presente remoto


photos Claudio Martinez

presente remoto
A Volume! la presenza di Eva Gerd si propone come un “non intervento”.
Proseguendo la ricerca incentrata sull’intimità emotiva, fisica
e finanche organica, l’artista danese sceglie di non impossessarsi
dello spazio ma di sentirlo.
La performance si sviluppa come un’ investigazione fisica e sensoriale.
La memoria degli interventi passati e delle energie assorbite
dal luogo nel corso della sua storia, non solo recente,
sono il campo di esplorazione.
In un ambiente che è stato manipolato, trasformato e marcato
dagli artisti, la Gerd cerca tra le crepe, gli angoli e lungo i muri
facendo riaffiorare il segno altrui attraverso la propria percezione.
La visione personale dello spazio emerge dal rigurgito di sensazioni
emotive e non necessita di sovrastrutture ambientali. Il segno stavolta
è dettato dalla espressività; il corpo si fa strumento di elaborazione
della memoria di fatti “altrui” filtrata attraverso la propria sensibilità.
Soltanto una luce fioca riconduce ad una condizione intima in cui tentare
il superamento del limite tra la pelle dello spazio e la pelle umana.
Federica La Paglia

Fondazione Volume!
2008

presente remoto
disegni a matita
pencil drawings
ca.20x30cm 2008

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s