spoglia

Ricamo fatto a mano su abito vintage di seta/embroidery on silk vintage dress, 2014
Tessere Storie, collettiva/group show, La fabbrica di Vapore, Milano, nov. 2014
Photo Andrea de Flaviis
image
dal catalogo della mostra, con curatela di Nila Shabnam Bonetti e Marta Grasso:
“Eva Gerd partecipa a Tessere Storie con un abito, un pezzo originale di seta degli anni sessanta, dono di un’amica, ricamandovi sopra una figura delicata e inquietante allo stesso tempo. Si tratta di una contaminazione umano-animale, un insetto, attraversato da parti di anatomia umana. In particolare il ventre dell’insetto, che sembra contenere un utero, è sovrapposto al ventre e all’utero della donna che lo indossa. SPOGLIA gioca con binomio uomo/animale e se il termine sembra rimandare immidiatamente alla “nudità”, in realtà sta a significare anche la parte di epidermide abbandonata dall’animale dopo la muta. Questo splendido lavoro, che stupisce per la cura dell’esecuzione, riprende le tematiche care all’artista, in una dinamica metamorfosi che unisce mondo umano, animale e vegetale, all’insegna dell’equilibrio tre le parti.”

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s